Compagnia Nazionale Danza Storica...
GRAN BALLO e TOSCA al 67° FESTIVAL PUCCINI  

GRAN BALLO A VILLA BORBONE di Viareggio


07 Agosto 2021 ore 20:00 Villa Borbone di Viareggio

La Compagnia Nazionale di Danza Storica organizza per il terzo anno consecutivo un Gran Ballo in Toscana, a Viareggio, per il Cartellone Ufficiale del Festival Puccini.

Dopo aver organizzato le prime due edizioni del Gran Ballo a Villa Paolina, il 7 agosto 2021 sarà VILLA BORBONE ad ospitare i Danzatori della Compagnia Nazionale di Danza Storica che, guidati dal M° Nino Graziano Luca, faranno rivivere le atmosfere del XIX secolo, pur danzando nel pieno rispetto delle norme Anti Covid: a distanza, senza l'uso delle mani e con le mascherine come da metodo ideato da Nino Graziano Luca già nella primavera del 2020.

Per questa ragione, il Gran Ballo proporrà un repertorio di Danze di linea come le contraddanze, le quadriglie e le polonaise (che meglio si prestano alle esigenze restrittive del Coronavirus) riadattate dal M° Nino Graziano Luca ma eseguite secondo i disegni coreici indicati nei Manuali dai Maestri del tempo.

SCHEDA su VILLA BORBONE
La VILLA BORBONE nella tenuta di Viareggio fu edificata sul viale dei Tigli che congiunge la città marinara con la frazione di Torre del Lago.

La villa, pensata come casino di caccia, fu edificata a partire dal 1821 dall'architetto di corte Lorenzo Nottolini per la duchessa di Lucca Maria Luisa di Borbone-Spagna. Vennero così creati tre edifici separati, ciascuno di tre piani, con quello centrale destinato a residenza signorile e quelli laterali a stalle, magazzini e abitazioni di servizio.

Il grande parco, che oggi fa parte della riserva del parco naturale denominato Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli all'altezza della località oggi denominata Lecciona, venne tagliato dal grande viale dei Tigli.

La costruzione, che era stata edificata in misura molto ridimensionata rispetto ai progetti iniziali dopo la morte di Maria Luisa, fu ampliata nel 1834, con l'ingrandimento dei corpi laterali e la costruzione, graduale negli anni, di altri edifici satellite, come stalle, case per coloni e serre. Verso il 1850 con la costruzione di altri corpi di edifici la villa centrale fu collegata alle ali laterali e venne ristrutturato il giardino, per un'estensione totale di 36.000 m².

La cappellina di Sepolcreto venne edificata nel 1849 su incarico di Carlo III di Borbone, duca di Piacenza e di Parma, e fu dedicata a san Carlo Borromeo. Da un passaggio riservato la famiglia ducale assisteva alla messa officiata dai frati francescani. L'aspetto odierno comunque deriva dalla ristrutturazione del 1885 ad opera dell'architetto Giuseppe Pardini, che usò i marmi pregiati all'esterno e all'interno. Vi sono sepolti gran parte dei principi di Borbone di Parma: di particolare importanza sono le tombe monumentali di Carlo III di Parma, il cui corpo è stato riesumato e studiato dalla Divisione di Paleopatologia dell'Università di Pisa sotto la direzione del Prof. Gino Fornaciari, e di Carlo Ludovico di Lucca.

Dal 1871 vi risiedette stabilmente Margherita, moglie di Carlo Maria di Borbone-Spagna, pretendente carlista al trono di Spagna: fu l'epoca di maggior splendore della villa, durante la quale arrivò a ospitare una corte di 36 persone. All'interno restano lo scalone principale ed alcune sale con sobrie decorazioni ad affresco o ricchi pavimenti intarsiati. Dopo la morte di Margherita (1893) la villa passò alla figlia Bianca, cambiando il nome in Villa Arciducale, a causa del marito di Bianca, l'arciduca Leopoldo Salvatore di Asburgo-Lorena. Nel 1906 la Marina Militare confiscò la villa per le esigenze del Balipedio, e fu usata dai militari sia durante la prima che la seconda guerra mondiale, ospitando un quartier generale sia tedesco che americano e subendo numerose spoliazioni e danni. Al termine del conflitto tornò ai legittimi eredi dei Borbone, in particolare all'arciduchessa Margherita, la figlia di Bianca, che vi continuò ad abitare per lungo tempo finché ella, a sua volta, la cedette nel 1985 a Benvenuto Barsanti, il quale ne fece poi dono al Comune di Viareggio. Dal 1999 è stato iniziato un progetto di restauro e riutilizzo del parco.
Oggi la villa è usata per scopi culturali quali esposizioni e conferenze. Nell'estate del 2006 ha ospitato una mostra sulle scenografie di Galileo Chini per le opere di Giacomo Puccini. L'anno successivo vi si è tenuta un'esposizione dedicata all'opera pucciniana La bohème.

Attualmente la villa è anche sede dell'Ente parco di Migliarino-San Rossore-Massaciuccoli.



news danza storica

GRAN BALLO A VILLA BORBONE di Viareggio

GRAN BALLO DELL'800, celebrando il DUCA DI BUONVICINO

GRAN BALLO DI SISSI - XV Edizione

GRAN BALLO RUSSO – X Edizione